giacomo ricci

  mostre

Architettura & Altro


 

 

 

Pica Gallery, Sala Ela Caroli, Napoli, maggio 2007

 
Le architetture di Ricci

 

alba dalla cucina

Intitolata "Architettura e altro", la mostra di Giacomo Ricci contribuisce a stimolare la riflessione sulle problematiche della città e sulla complessità della società urbana. L'artista, architetto di formazione e docente alla facoltà di Architettura dell'Università "D'Annunzio" di Chieti-Pescara e "Federico II" di Napoli si occupa, tra l'altro, di grafica e progettazione di musei virtuali.

Per l'occasione presenta circa vnti opere grafiche di varie dimensioni che hanno pe oggetto lo spazio dell'architettura, attraversato e segnato dalla dimensione oniica e dell'utopia. Il sogno agisce come catalizzatore di sensazioni ed esperienza nei disegni di Ricci, progetti di architettura impossibili: dilatando le dimensioni delle cose stesse arriva ad immettere nelle sue opere immaginarie volti, animali fantastici, nuvole e stelle semiaddormentate. Così una chiesa, una casa colonica, un piccolo borgo vengono rappresentati, con inchiostro di china, acquerelli, acqueforti ed acquetinte, su grandi merletti distesi sopra tavoli da cucina accanto a libri ricoperti in cartapecora.

"Le mie opere - spiega l'architetto - intendono essere provocatorie per riflettere su architetture non realizzabili. L'architettura è un segnale di passate grandezze e l'utopia una dimensione perduta di fronte al mondo che intercetta qualsiasi fantasia maconandola sotto il peso di una realtà molto spesso asfittica che ci costringe a vivere in città sconfinate dove si ammassano milioni di individui che ampliano a dismisura il regno del producibile a scapito della qualità. Ecco perchè il sogno si organizza per prendere consistenza e l'utopia appunto stenta a decollare."

Ne deriva una percezione frammentata dove tutte le cose sembrano essere disposte in uno spazio onirico da ricercare negli scorci iconografici rappresentati. Ricci, che ha scritti numerosi libri e ha già esposto in passato da Salvatore Pica nel Centro Ellisse con "La casa oniica", conferma in questo modo la cifra della sua ipotesi di ricerca visiva svolta da anni e sempre in equilibrio tra pittura e architettura.

 

Daniela Ricci

"IL MATTINO", 17 maggio 2007