giacomo ricci

  mostre

il filo di Arianna


 
 

galleria foto - grafia Treviso, febbraio 1982

Le illustrazioni di Giacomo Ricci presentate dalla galleria Foto - Grafia nascono dall'esperienza diretta dell'architettura. Questa disciplina trova la sua necessaria premessa nella fase progettuale la cui libertà è condizionata ovviamente dai limiti oggettivi della funzionalità, dei materiali, dei costi.

Qui l'autore ha dato spazio unicamente alla progettazione come fatto pensato, immaginato, proiettato infine nel territorio dell'utopia. I disegni, la più parte, prendono spunto dalle indicazioni del razionalismo; su queste, opera l'immaginario, inteso qui come luce violenta, illuminazione incandescente.

 

Questa pura magia metafisica, questi silenzi astratti e spaziali vengono riproposti con più forza in un secondo gruppo di disegni che si richiamano al vero e proprio espressionismo storico.

In quelle amebe avvolgenti, nei labirinti arborei vi sono le premesse e le suggestioni per una architettura utopica.

Una via come s'intende per uscire dall'impasse delle esecuzioni, lontane più spesso dalle esigenze più vive dell'esistente.

Luciano Speranzoni